Archivio: In evidenza

Articoli il cui estratto compare nella colonna di sinistra

 

QUADERNO ANISA DIGITALE N.2

Con grande piacere e sperando di fare cosa gradita pubblichiamo il secondo quaderno digitale ANISA, che negli anni ha sostituito la celebre pubblicazione cartacea della nostra Associazione.

Eredità  culturali e contemporaneità.

Scuola e Musei per educare alla cittadinanza

clicca qui : Quaderno ANISA digitale II 2024

Il bollettino è scaricabile gratuitamente.

Gli interessati ad avere il Bollettino in formato e-pub (per ebook reader) possono richederlo all’indirizzo info@anisa.it 

 

Liberatoria per il trattamento dati e il consenso per l’uso delle immagini per minorenni

Modulistica necessaria per il trattamento dei dati personali e la pubblicazione e/o diffusione, in modalità anche anonima, in qualsiasi forma delle immagini (foto e/o video) di minorenni e di maggorenni effettuate in occasione delle attività legate all’Associazione ANISA – ASSOCIAZIONE NAZIONALE INSEGNANTI DI STORIA DELL’ARTE APS, sul sito internet ANISA (www.anisa.it), sui propri profili su social network, su carta stampata e/o su qualsiasi altro mezzo di diffusione:

Liberatoria ANISA (DATI_IMMAGINI)

 

In uscita il volume sulla Collezione d’Arte Moderna e Contemporanea dei Musei Vaticani.

E’ imminente l’uscita del volume La Collezione d’Arte Moderna e Contemporanea dei Musei Vaticani 1973-2023. Origini–Storia–Trasformazioni, Edizioni Musei Vaticani, che celebra i 50 anni della  Collezione e raccoglie il regesto completo degli ultimi vent’anni di nuove acquisizioni.
Il volume, curato da Micol Forti con Francesca Boschetti e Rosalia Pagliarani, sarà presentato presso i Musei Vaticani il 20 giugno 2024 verso le ore 17:30 (orario ancora da definire).

L’intento è quello di restituire la particolarità e l’unicità della Collezione d’Arte Moderna e Contemporanea dei Musei Vaticani e del progetto voluto da papa Paolo VI, che ha guidato la sua nascita e tracciato, nel memorabile discorso di inaugurazione il 23 giugno del 1973, le linee fondamentali per mantenere viva e vitale la sua azione nel presente.

Il volume è in vendita presso il Bookshop dei Musei Vaticani.

 

FINALE CAMPIONATI del Patrimonio 2024

Si è svolta venerdì 3 maggio, nella splendida cornice del Palazzo del Collegio romano sede del Liceo classico Ennio Quirino Visconti, la finale dei Campionati del Patrimonio 2024. Giunta alla sua XIX edizione, la prestigiosa competizione creata e organizzata da Anisa dal 2006 per promuovere tra gli studenti degli istituti di istruzione superiore la cultura del Patrimonio artistico, ha visto quest’anno giungere in finale ben 14 squadre rappresentanti le rispettive regioni, per una partecipazione ideale di circa due terzi del territorio italiano.

Da Torino a Siracusa Viaggio attraverso l’architettura barocca: questo il titolo della manifestazione, che anche quest’anno ha ottenuto il prestigioso riconoscimento che il Ministero dell’Istruzione e del Merito riserva alle attività di valorizzazione delle eccellenze.

Interessanti ed avvincenti i lavori presentati alla Commissione giudicatrice composta da funzionari del Ministero della Cultura, esperti nel settore dell’Educazione al Patrimonio, docenti  membri di ANISA, e discussi dagli studenti sotto l’occhio vigile dei loro insegnanti. Dobbiamo sicuramente anche al grande entusiasmo e dedizione e alle sicure competenze di questi ultimi l’alta qualità di tutti i lavori prodotti.

Cinque le squadre vincitrici di questa edizione dei Campionati: al primo posto il Liceo Scientifico “Medi” di Senigallia, docenti Patrizia Burattini e Francesca Graziani con un percorso monografico sulla chiesa senigalliese della Croce “luogo di meraviglia e crocevia di linguaggi”, densa di approfondimenti e considerazioni di sicuro taglio critico.

Al secondo posto, pari merito, la squadra del Liceo “Cirillo” di Aversa che si riconferma tra i vincitori con il docente Carmelo Menna ed un viaggio immaginario di due miglia nel barocco napoletano, e quella del Liceo classico internazionale “Meli” di Palermo, in cui gli studenti, sotto la guida dei docenti Marina Giordano e Leonardo Pisciotta, hanno presentato un coinvolgente spaccato palermitano riflettendo sul barocco tra festa popolare e apparati effimeri.

In terza posizione si sono collocati gli studenti del Liceo classico “d’Azeglio” di Torino che, guidati dalla docente Rosanna Palumbo, hanno proposto una interessante riflessione sul Barocco sabaudo attraverso l’intervento femminile delle Madame reali. Con loro, ex aequo, il Liceo artistico dell’Istituto di Istruzione Superiore “Val di Cornia” di Piombino (docenti Lara Androvandi ed Ilaria Meoni), con un interessante excursus tra bello e grottesco da Bagheria a Livorno.

Le squadre sono state premiate da Teresa Calvano, storica ideatrice e anima dei Campionati del Patrimonio, e da Paola Strada, funzionaria Abap città di Milano e membro del Direttivo Anisa.

A corredo dell’iniziativa, Anisa ha coinvolto gli studenti e i loro insegnanti in due giornate di attività culturali in visita a luoghi interessanti della Roma imperiale e della città barocca.

A breve in questa sezione del sito sarà pubblicata la graduatoria dei vincitori con i link ai lavori svolti.

 

 

 

 

 

OGGI HAI UN NUOVO MODO PER SOSTENERE L’ANISA: dona il tuo 5 per mille!

Destina il tuo 5 x 1000 ad ANISA aps

A te non costa nulla ma per ANISA può fare la differenza!

Da quest’anno, potrai sostenere la causa della più antica Associazione che promuove l’Educazione al Patrimonio

attraverso lo studio della Storia dell’arte e delle discipline artistiche dalla scuola dell’infanzia in poi.

Il nostro codice fiscale è:

94072730487

Con il tuo contributo potremo potenziare l’aggiornamento dei docenti e intraprendere nuovi progetti per l’educazione alla cittadinanza attraverso lo studio dell’arte, l’educazione alla tutela e alla valorizzazione del Patrimonio.

Il 5×1000 è una quota d’imposta IRPEF calcolata sul reddito annuo a cui lo Stato rinuncia a favore degli enti o associazioni che svolgono attività socialmente rilevanti (no profit, volontariato, ricerca scientifica).

Per destinare il 5×1000 all’ANISA aps, inserisci nel box “Sostegno del volontariato e delle altre organizzazioni non lucrative di utilità sociale” della dichiarazione dei redditi il codice fiscale 94072730487.

 

I contribuenti che non devono presentare la dichiarazione possono utilizzare l’apposita scheda allegata allo schema di Certificazione Unica (CU) o al Modello Redditi Persone Fisiche.

Chi non ha l’obbligo di presentare la dichiarazione dei redditi può, senza alcun onere per il contribuente, consegnare ad un ufficio postale o ad una banca la scheda integrativa per il 5×1000 contenuta nel CU in busta chiusa.

Basterà poi apporre sulla busta la scritta “Scelta per la destinazione del 5×1000 dell’IRPEF”, con indicazione di nome, cognome e codice fiscale del contribuente.