Archivi tag: giotto

 

Mela verde: Natale a confronto

L’educazione al patrimonio culturale e alla sua storia, permette al bambino di maturare diverse competenze: una su tutte quella legata alla capacità di saper osservare, sapientemente e pazientemente, le diverse “pagine” artistiche, alla ricerca sì dei diversi particolari, descrittivi, naturalistici, pittorici, paesaggistici, ma anche dei diversi punti di vista che fanno di ogni immagine una narrazione d’autore.

In occasione di questo Natale, complesso per le tante vicende che attraversano il Paese e, dunque, la Scuola, i due termini sono per noi intimamente collegati, vogliamo mettere a confronto due autori e due “letture”,  analizzando la Natività di Giotto e l’Adorazione dei Magi di Gentile da Fabriano.

Sulla Natività di Giotto ricordiamo che un articolo di “ Mela Verde” può essere  recuperato nell’archivio della rubrica, mentre vogliamo fornire alcuni spunti sull’Adorazione dei Magi di Gentile da Fabriano…

Continua a leggere… 

 

gentile
Gentile da Fabriano

 

giotto
Giotto

______________________________________________
La rubrica Mela Verde, a cura della socia Patrizia Morisco, mette a  disposizione materiali per la scuola primaria… e non solo!

 

 

La festa dei nonni

Torna la rubrica Mela Merde con

La Festa dei nonni, ovvero del calendario giottesco

Carissimi ben ritrovati!

Riprendiamo la nostra rubrica  Mela verde con un grande artista che ci dona uno spunto prezioso per la festa dei nonni.

Una festa di recente istituzione che ha trovato, però, grande eco e che riguarda molto da vicino l’esperienza dei nostri piccoli alunni.

La maggior parte degli attuali nonni, infatti, presta cura e affetto ai nipoti durante la giornata quando i genitori si trovano al lavoro.

Non è raro, infatti, vederli all’uscita di scuola “ritirare” il nipotino, chiedendo come si sia comportato durante la giornata.

Partendo da questo “vissuto” abbiamo cercato qualche spunto nel nostro patrimonio culturale e siamo incappati in una delle più belle scene del Medioevo, ad opera di Giotto da Bondone.

Si tratta del bacio presso la porta aurea di Anna e Gioacchino, i nonni materni di Gesù, all’interno di quel capolavoro che è la Cappella degli Scrovegni di Padova.

Continua a leggere…

giotto 

 
 

 

______________________________________________
La rubrica Mela Verde, a cura della socia Patrizia Morisco, mette a  disposizione materiali per la scuola primaria… e non solo!

 

 

Progetto “Giotto tra candore e stupore”

I giorni di festa sono ottimi giorni per pensare e meditare con più calma su problematiche che la quotidianità ci presenta con compulsività e a cui spesso rispondiamo con un eccesso di tempestività.
Rileggendo, mi rendo conto della ricchezza di “a” con l’accento. E allora, ve ne aggiungo un’altra contenuta nella parola “Natività”; parola desueta perché inghiottita da una foresta di altri vocaboli che riguardano il Natale, più vicini al mondo dei consumi che al significato stesso dell’accadimento, che nella sua estrema semplicità riguarda la nascita di un bambino.
Punto e a capo.
Ma, si obietta, e a giusta ragione, sai com’è? Quel bambino per buona parte dell’umanità è il figlio di Dio, speranza di ripartenza, di conversione verso nuovi obiettivi.
Chiaro, ma, pur nel rispetto del valore religioso “occidentale”, si può festeggiare il Natale in una classe multietnica a partire dall’illustrazione di una “Natività” dell’arte cristiana?
Ovvero. Si può leggere “laicamente” un tema così eminentemente legato alla tradizione religiosa cristiana?
Ci abbiamo provato, l’ultimo giorno di scuola, insieme all’insegnante di religione (e con chi altri?) e in presenza del bambino islamico inserito nella nostra classe e di due bambini che non frequentano l’ora di religione (ora alternativa).

 

Scarica il testo integrale.

Scarica l’immagine.

 

______________________________________________
La rubrica Mela Verde, a cura della socia Patrizia Morisco, mette a  disposizione materiali per la scuola primaria… e non solo!