Archivio: In evidenza

Articoli il cui estratto compare nella colonna di sinistra

 

ANISA Venezia – ripresa attività

Sezione di Venezia: convocazione incontro con i soci.

L’incontro con i soci di Venezia per la ripresa delle attività della sezione è fissato per sabato 12  marzo alle ore 15  presso l’Istituto Cavanis Dorsoduro 898,  Venezia .

La riunione farà il punto sulla ripresa delle attività dopo la scomparsa di Elvia De Portada. In particolare sarà illustrato il programma di visite, incontri culturali e viaggi relativamente al prossimo trimestre.

 

Anisa Brindisi: giornata di formazione

BRINDISI, 18 MARZO 2016

GIORNATA DI FORMAZIONE GRATUITA
PER GLI INSEGNANTI DI OGNI LIVELLO

 

Progetto “Museo per tutti”

Verso l’educazione al Patrimonio culturale:
Metodi e strumenti innovativi per l’insegnamento
e la promozione del territorio

 

Palazzo Guerrieri, Hub dell’Educazione e della Conoscenza

Via Congregazione, Brindisi

 

Scarica il programma.

Scarica la scheda di adesione.

 

Questo il link al programma della giornata.

E questo il link per iscriversi.

 

Mela verde: “Bibliopassione”

Si diceva il 10 febbraio durante il corso di aggiornamento dell’ANISA, tenutosi presso l’Istituto per la patologia del libro, proprio nella gremita biblioteca, che le biblioteche storiche rappresentano un frammento importante dell’educazione al patrimonio culturale. Importante, ma poco frequentato.
La classe di Mela Verde costituisce una fortunata eccezione. Il 5 febbraio, infatti, ha avuto l’occasione di visitare la storica “ Biblioteca Angelica”, meraviglia di cultura e sapere, incastonata nel centro della città di Roma, alle spalle di Piazza Navona, perla barocca, e posta tra opere di eccezionale spessore del Caravaggio: la Madonna dei Pellegrini in S. Agostino e la Cappella Mattei in S. Luigi dei Francesi.
Un’occasione unica. Un “bingo” didattico. Tele, piazza, biblioteca, chiese e memorie agostiniane. Santi, monaci, copisti, tipografi, pittori irriverenti e archi- star ante litteram.
Ma è davvero possibile un itinerario del genere per bambini della scuola primaria? Sì, perché è Roma a renderlo tale! Solo una città pensata per imperatori e papi, ricca di tracce e orme, “immensa” e concentrata, può offrire una tale occasione di crescita culturale.
Ma ora torniamo per un attimo a scuola e vediamo quali sono state le premesse per una visita così ricca e complessa.

Scarica il testo.

 

 

______________________________________________
La rubrica Mela Verde, a cura della socia Patrizia Morisco, mette a  disposizione materiali per la scuola primaria… e non solo!

 

 

Successo del Seminario sulla legge 107

Grande partecipazione al convegno “La legge 107: l’insegnamento della storia dell’arte e la relazione scuola-patrimonio culturale“, organizzato da MIBACT, MIUR e ANISA e tenutosi l’11 e 12 febbraio a Roma presso presso la sede della Direzione Generale Educazione e Ricerca del MIBACT.

Un seminario in cui si sono avuti momenti importanti di confronto ed approfondimento.

Di seguito, alcune immagini dell’evento:

no images were found

(clicca sulla foto per vedere la successiva)

 

Programma del Seminario sulla legge 107 e l'insegnamento della storia dell'arte

Le iscrizioni al seminario sono complete.

Da oggi in poi coloro che ci contattano verranno inseriti in lista d’attesa.

————————————————————————

La legge 107:

l’insegnamento della storia dell’arte e la relazione scuola-patrimonio culturale

11-12 Febbraio 2016

 

leggi il comunicato stampa

leggi il programma

Scarica il modulo di iscrizione.

 

 

Convegno "Comunicare il museo oggi"

Comunicare il museo oggi: dalle scelte museologiche al digitale

 convegno internazionale di studi

 

18.02.16 | h 09.00-19.00
19.02.16 | h 09.00-19.00
Sapienza Università Di Roma
Aula Odeion della Facoltà di Lettere e Filosofia
Aula Venturi del Dipartimento di Storia dell’arte e Spettacolo
Valorizzare il nostro patrimonio museale è oggi al centro di scelte politiche e culturali discusse e di un dibattito non sempre meditato e sereno.
Ci sembra dunque utile e opportuno orire un contributo scientifico tramite la presentazione di riflessioni e esperienze, nella convinzione che non può esserci valorizzazione senza un’adeguata comunicazione e senza la necessaria ricerca.
Di qui un Convegno internazionale di Studi sulla comunicazione museale: un tema di certo “antico”, ma che attualmente necessita di una riflessione critica aggiornata alla luce degli odierni media e dei nuovi utenti reali e potenziali di riferimento.
L’occasione ci è data dalla conclusione e dalla presentazione al pubblico del Progetto MUSART, che ha visto il Dipartimento di Storia dell’Arte e Spettacolo della Sapienza, impegnato in convenzione con la Regione Lazio, nell’indagine e nell’elaborazione di esperienze e prodotti finalizzati alla conoscenza e alla valorizzazione dei musei storico-artistici della Regione.
Scarica il programma.

 

In ricordo di Elvia De Portada

E mancata due giorni fa a Venezia Elvia De Portada, responsabile della sezione Anisa di Venezia.
Il suo è uno dei nomi storici dell’associazione. Ha guidato per circa quaranta anni la sezione di Venezia, una delle più numerose sul territorio, con energia ed entusiasmo davvero rari.
Proverbiale era la sua puntualità nell’inviare programmi e la sua capacità organizzativa: visite guidate, conferenze, concerti, film e poi tanti viaggi inseguendo eventi culturali di primo piano in Italia e all’estero. E tutto questo sempre “ideati e guidati da Elvia De Portada”. Grazie Elvia
Speriamo ora di riuscire a conservare la fisionomia della  sezione di Venezia e invitiamo tra i soci chi le era più vicino a impegnarsi per ricordare così il suo grande impegno.

 

Mela verde: “Il Giorno della Memoria”

Il valore di una ricorrenza, ovvero si può parlare ai bambini dell’Orrore?
Il giorno 27 gennaio, ricorre il “Giorno della Memoria”, in onore e in ricordo dei sei (avete letto bene) milioni di ebrei trucidati dal regime nazi-fascista nei lagher europei. Sei milioni di persone innocenti, colpevoli di professare una fede, di appartenere a minoranze etniche (il nostro ricordo va agli zingari internati nei campi) o di avere orientamenti “divergenti” (il caso di molti omosessuali torturati, deprivati, uccisi).
Tra questa folla immensa e disperata, molti i bambini deportati, strappati alle braccia dei genitori, finiti nelle mani del dott. Menghele come cavie da laboratorio. Spaventati, denutriti, ammassati, violentati nell’anima e nel corpo sono la componente umana più straziante di queste pagine di Storia. Come recita la stele nel Ghetto ebraico di Roma, qualcuno è morto prima di nascere.
Dimenticare, o meglio, non ricordare, non portare di nuovo al cuore prima che alla mente, certi avvenimenti non solo rischia di vanificare i percorsi di chi voglia sin dalla Scuola Primaria fare dell’apprendimento della Storia, uno dei campi di ricerca per una cittadinanza avvertita come tale da subito, ma rischia, il che è peggio, di rendere impossibile una lettura dell’attuale che, purtroppo, e come ben sappiamo, vede nell’annientamento dell’infanzia una delle caratteristiche ricorrenti della storia umana.
Sapere, conoscere, da subito, ci mette nelle condizioni di comprendere ciò che ancora si perpreta sotto i nostri occhi e di riflettere sui tanti temi correlati alla fuga dei popoli dalla miseria, dalla guerra, dalle persecuzioni etniche e religiose.
Dunque se l’Orrore c’è, in qualche modo va narrato. Si scelgano parole, temi e immagini, ma si continui a fare della scuola un luogo di conservazione, trasmissione e consolidamento della Memoria collettiva.

 

Scarica il testo.

Scarica le immagini.

 

______________________________________________
La rubrica Mela Verde, a cura della socia Patrizia Morisco, mette a  disposizione materiali per la scuola primaria… e non solo!